L’arte della bellezza.Asia

L’arte della bellezza.

Incarnato impercettibile,  cipria bianca, labbra carnose, rosse, occhi melanconici, orientali, a ricordare le geishe del lontano Giappone. Silente, Tristezza e desiderio di fuga.  Una bellezza senza tempo, una maschera da indossare che riecheggia il Kabuki, fatto di prostitute che recitano un ruolo, figlie di nessuno, belle dal triste animo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *